network: Torre de Pisa, schiefer turm von Pisa

Piazze e Palazzi di Pisa:

PALAZZO DELL'OROLOGIO

Su un lato della Piazza dei Cavalieri si trova il Palazzo dell’Orologio risalente al 1607 costruito e dedicato anch’esso, come altri edifici che insistono su questo spazio, dall’Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano (“Ordine Cavalleresco Sacro Militare Marittimo di Santo Stefano Papa e Martire”fondato nel 1561 da Cosimo I de’ Medici, Granduca di Toscana, per difendere le coste del Mediterraneo dall’espansionismo Turco e Ottomano)
Il Palazzo progettato e pensato da Giorgio Vasari in chiave di sistemazione architettonica di edifici preesistenti, riesce ad inglobare in un unico impianto i resti di due corpi di fabbrica identificabili come la Torre delle sette vie (prigione del Comune nell’antichità) e la Torre della Muda (o della fame, per la triste sorte che la lega al Conte Ugolino della Gherardesca).
La continuità dell’edificio è data dalla presenza dell’arco, lasciando così inalterata la preesistente viabilità.

Palazzo orologio Pisa

PALAZZO DEI CAVALIERI

“Palazzo della Carovana”, così viene chiamato l’attuale Palazzo dei Cavalieri e risale al XVII sec, periodo questo di riassetto architettonico dell’antica Piazza dei Cavalieri,(di origine romana) e degli edifici presenti.
Giorgio Vasari ridisegnò il profilo del più antico palazzo, detto degli anziani, dove la presenza dello stesso si ha dalla lettura delle murature sul lato destro del palazzo.
Il prospetto del Palazzo, si presenta, maestoso per la sua estensione in lunghezza, ricco di graffiti, decorazione e nicchie in numero di sei, raffiguranti busti di Cosimo I e Cosimo II de’ Medici in rilievo.
Una scala a due rampe, risalente al XIX sec.è di accesso alla scuola fondata da Napoleone e che qui ha sede ed è oggi conosciuta come Scuola Normale Superiore di Pisa.

Palazzo dei Cavalieri Pisa

PIAZZA DEI CAVALIERI

La piazza dei Cavalieri di impianto romano ha rappresentato sin dal medioevo il centro politico e sociale della città di Pisa.
Sette vie affluiscono in questa piazza (anticamente piazza delle sette vie) e palazzi con funzione politica tra cui il palazzo degli anziani, dove risiedeva il capitano del popolo e la torre della Muda
Nel 1500 divento con Cosimo I, il punto di riferimento dell’Ordine dei Cavalieri e la sistemazione della piazza fu pensata e attuata da Giorgio Vasari che dette nuove caratteristiche architettoniche agli edifici qui presenti, integrandola inoltre con i nuovi tra cui la Chiesa del Cavalieri sempre dell’Ordine e il palazzo dei Priori. Tutti gli edifici presenti furono oggetto di interventi successivi regalandoci a tutt’oggi la Piazza attuale ricca e imponente.

Piazza dei Cavalieri Pisa

PALAZZO DEI MEDICI

Il Palazzo dei Medici, si affaccia sul lungarno Mediceo e rappresenta, come altri su questa sponda dell’Arno, attraverso la sua facciata un bell’esempio di architettura civile,l’origine la si può far risalire all’anno 1200 eretto su preesistenze di antiche fabbriche.
Le famiglie Medici vi hanno soggiornato, come Pietro Cosimo il Vecchio e Lorenzo il Magnifico quando Pisa era sotto il dominio dei Fiorentini, mentre nel 1300 apparteneva a nobiltà Pisane e ad altre personalità nei secoli successivi.
Il palazzo nel corso dei secoli ha subito diversi restauri che hanno inciso in modo significativo la sua originaria architettura.
Oggi si presenta con un disegno modulare in facciata di cinque arcate cieche che appoggiano su alto basamento massiccio in pietra nella parte inferiore alleggerito da bifore, l’accesso all’interno del palazzo è decentrato.
Il resto della facciata è caratterizzata, oltre alle sopra mensionate arcate cieche a tutt’altezza, anche da trifore ad arco acuto del primo livello di fabbrica e da bifore al secondo livello di fabbrica.
Il palazzo dei Medici anticamente era chiamato Palazzo Vecchio, oggi è sede della Prefettura

Palazzo Medici Pisa

PALAZZO TOSCANELLI

Il palazzo Toscanelli (prima palazzo Lanfranchi), si affaccia sul lungarno Mediceo è sede dell’Archivio di Stato che ospita attualmente una ricca documentazione storiografica pisana.
Il corpo di fabbrica antico, ma con ristrutturazioni del XIX ad opera di Alessandro Gherardesca.
L’edificio si articola in altezza per tre piani, il portale di accesso all’edificio è in bugnato e attraverso le sue aperture finestrate si presenta simmetrico. Tra gli elementi emergenti in facciata notiamo il marcapiano del primo livello e terrazzo in asse sopra il portale di accesso.
Sempre in facciata si leggono elementi decorativi diversificati ai vari piani, come le trabeazioni sopra le finestre.
Il palazzo fu dimora nel 1800 di Lord Byron.

Palazzo Toscanelli Pisa

PALAZZO REALE - MUSEO NAZIONALE

Il Palazzo Reale (così denominato e rimasto invariato al tempo dalla monarchia sabauda) si trova in lungarno Pacinotti, anticamente nato sotto il nome di palazzo ducale commissionato dal Granduca Francesco I de’ Medici .
Il corpo di fabbrica attualmente unico, progettato nel XVI sec, pensato come soluzione di recupero di due preesistenze di torre, con la funzione di dimora nei periodi di permanenza in città della famiglia Granducale dei Medici.
Il Palazzo mantenne questa funzione per molti secoli, qui vi hanno soggiornato non solo tutta la dinastia dei Medici, ma anche i Lorena fino ai Savoia.
Dal 1989 ospita il Museo Nazionale così detto di “Palazzo Reale”dove sono esposte opere di notevole valore storico a testimonianza delle periodiche manifestazioni annuali della città di Pisa, ma anche collezioni di antiche armature del gioco del ponte e ritratti dei Medici e dei Savoia.
Attualmente sede della Soprintendenza.

Palazzo Reale Pisa

PALAZZO GAMBACORTI

Il Palazzo Gambacorti ha la fabbrica originata del fine XIVsec, in lungarno Gambacorti, vicino a Ponte di mezzo e alle Logge dei Banchi, attualmente sede del Comune di Pisa
La facciata principale del Palazzo è distribuita su tre livelli di uguale altezza rivestita in pietra a corsi orizzontali dove si inseriscono bifore gotiche di fattura trecentesca, marmi e stemmi.
La facciata del Palazzo, opposta alla precedente innanzi descritta, si presenta al visitatore con un’architettura seicentesca, anche qui con decorazioni diversificate ai vari piani.
Al piano terra l’elemento predominante è il portale di accesso posto lateralmente che assume un imponenza quasi monumentale attraverso la sua architettura, con la presenza di massicce colonne e la trabeazione sovrastante.
All’interno del Palazzo sono racchiuse testimonianze storiche con raffigurazioni della città di Pisa nel periodo delle Repubbliche Marinare e ricche decorazioni.

Palazzo Gambacorti Pisa

LOGGE DEI BANCHI

L’edificio della Loggia dei Banchi si affaccia sui lungarni nel cuore del centro cittadino pisano all’inizio del Ponte di mezzo e dove sono presenti anche edifici politici e amministrativi.
La fabbrica si presenta al piano inferiore con un imponente loggiato aperto formato da in numero di 12 pilastri, esternamente con un rivestimento in bugnato.
Percorrendo lo spazio coperto si notano volte a botte originate da archi a tutto sesto e la presenza di marmo.
Le Logge costruite per accogliere la rivendita di materiai tessili, quali la lana e la seta, è del XVII sec. su disegno di Bernardo Buontalenti e commissionato dal Granduca Ferdinando I, successivamente inserito in un contesto di riqualificazione del lungarno.

DOMUS DI GALILEO

La Domus Galileiana (Istituto Italiano di Storia della Scienza) ex torre d’osservazione dell’osservatorio astronomico è ubicato in via Santa Maria.
La Fondazione nata nel 1942 su iniziativa di Giovanni Gentile e la “Società Italiana per il Progresso e la Scienza”.
Lo scopo di della Fondazione è quella di onorare, studiare e far conoscere la figura e le opere di Galileo e lo studio della scienza antica operosa nei secoli, messa a servizio delle generazioni future con le sale e biblioteca aperte tutto l’anno ai percorsi didattici e ai visitatori, ma anche a seminari di studio, incontri e conferenze.
Nel tempo l’edificio ha conservato varie strumentazioni scientifiche, ora spostate e una vasta collezione di manoscritti di Galileo Galilei, con descrizione della sua vita e delle sue opere, insieme alle ricerche e agli studi di scienziati come il Fermi e Pacinotti.

PIAZZA DELLA BERLINA

Questa piazza, oggi detta Cairoli, è rimasta sempre nota con il suo nome: Piazza della Berlina. Affascinante la sua origine perché in quest’angolo di Pisa, collocato di fronte al Lungarno Mediceo e vicinissimo a Piazza Garibaldi e al Teatro Verdi, anticamente venivano esposti dalle autorità i condannati al pubblico ludibrio. Piazza della Berlina è dominata al centro dalla scultura fatta erigere dai Medici nel 1550 e dedicata all’abbondanza. Non un uomo famoso quindi o un santo al centro della Piazza ma un bisogno umano, appunto l’abbondanza degli approvvigionamenti dopo la crisi economica che nel 1550 investì Pisa, dopo la conquista fiorentina. Andando verso il Teatro Verdi si trova la semplicissima e allo stesso tempo molto bella Chiesa di San Pierino in Vinculis. Invece, sul lato sinistro, ponendosi con le spalle al fiume Arno, sorge un porticato pieno di ristoranti, enoteche e pub.
In linea d’area, Piazza della Berlina dista appena 20 metri da Piazza Garibaldi e quindi da Borgo stretto, e per questo, la sera, si riempie di visitatori tra il sapore del vino e le file alle numerose gelaterie. Insieme a Piazza Garibaldi, Borgo Stretto, Piazza delle Vettovaglie e ai tanti vicoletti che si snodano in questa zona, Piazza della Berlina è tappa obbligatoria per i turisti che non si accontentano della sola Torre Pendente o di Piazza dei Miracoli.

Piazza della Berlina

PIAZZA GARIBALDI

Tutti sanno dove è piazza Garibaldi a Pisa; è un punto di riferimento, a metà strada tra Borgo Stretto e Corso Italia.
Piazza Garibaldi è l’anticamera del centralissimo Ponte di Mezzo e il cortile di pub, caffè, bar, kebab che si affacciano su di essa.
La Piazza con al centro la poderosa statua dell’eroe dei due mondi è probabilmente il centro del centro di Pisa. Spartiacque tra Lungarno Pacinotti e Lungarno Mediceo, Piazza Garibaldi è a due Passi da altre importanti piazze: Piazza Vettovaglie e Piazza dei Cavalieri. Artisticamente Piazza Garibaldi è dominata da Palazzi d’epoca ed edifici storici. Molto ampia, ha la sua peculiarità nell’esser ad ogni ora piena di gente.
La mattina piazza Garibaldi è crocevia di studenti (molto vicine Giurisprudenza e Scienza Politiche), lavoratori e turisti (vista anche la vicinanza con la Torre pendente), la sera invece diventa un santuario di passeggiate, incontri e aperitivi. La centralità di Piazza Garibaldi infatti né fa meta di transito e passaggio verso Borgo Stretto o corso Italia, verso i pub a tramontana e quelli a mezzogiorno della città della Torre. Si può sorseggiare un buon cocktail, prendere un buon caffè, conoscere, socializzare o semplicemente passare per poi spostarsi in altri punti della città.

Piazza Garibaldi

PIAZZA DANTE

Il punto d’incontro tra le facoltà di Giurisprudenza, Lettere, Filosofia e Scienze Politiche a Pisa non poteva che essere dedicato al grande Dante. Collocandosi in tale posizione, Piazza Dante non poteva non essere crocevia di studenti e sede di importanti librerie come la Einaudi o quelle dedicate alle edizioni giuridiche.
Geometrica e perfetta, con piccolo parco dotato di panchine, Piazza Dante può essere facilmente visitata utilizzando il vicino parcheggio auto di Piazza Carrara.
Molto vicina alla casa dello studente del DSU collocata sul Lungarno Pacinotti, su Piazza Dante si affaccia la spettacolare Sapienza, sede storica di Giurisprudenza e molto interessante dal punto di vista architettonico tanto da essere meta del tour turistico di Pisa in carrozza con cavalli…This is Sapienza!, dicono ai turisti stranieri i cocchieri che li trasportano.
Tutto attorno a Piazza Dante sorgono svariati caffè e bar, oltre a trattorie e pizzerie, chiaramente colmi di studenti. La Piazza inoltre dista davvero pochi meri da Piazza dei Cavalieri sede della Normale e dalla particolarissima Piazza Vettovaglie. Una tappa in cui cultura e storia si incontrano che merita assolutamente di essere visitata.

Piazza Dante

PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE

Il nome di questa particolarissima piazza, a cui si accede da Borgo Stretto o da via Curtatone e Montanara, richiama, probabilmente, alla sua storica destinazione d’uso: luogo di commerci e vendite. Certamente sono cambiati i prodotti esposti: ieri, quando ossia Piazza delle Vettovaglie si chiamava Piazza dei Porci, soprattutto grano e altri cerali; oggi si trovano invece bancarelle variegate che espongono dai vestiti, al cibo tipico toscano, alla frutta e alla verdura.
Piazza delle Vettovaglie è il cuore di quella Pisa in cui antico e moderno si incontrano. Inesorabilmente. Antico come la spettacolare Torre del Campano o le due torri dell’ex hotel Nettuno, o ancora la Chiesa di Sant’Ilario in Porta Aurea o la Chiesa di Sant’Huomobono de’ Sarti. Moderno come i numerosi caffè e le numerose enoteche che sorgono intorno al loggiato principale o ancora le macellerie e i negozi alimentari di prodotti tipici. Punto di transito e luogo cult della Pisa by night, Piazza delle Vettovaglie è attraente non solo per ciò che fa vedere di se (tra l’altro tutta la zona della Piazza è stata recentemente riqualificata dal comune di Pisa) ma anche per quello che fa sentire: l’aroma del caffè confuso con gli aperitivi, il profumo dei salumi che fa un tutt’uno con quello dei formaggi e della carne. E intorno un’irresistibile vociare tra commercianti, studenti, avventori dei ristoranti e i tanti turisti. Vicinissima al Cinema Lumiere, Piazza delle Vettovaglie è davvero il cuore battente di Pisa.

Piazza delle Vettovaglie

Fortificazioni della città di Pisa

CITTADELLA VECCHIA E TORRE GUELFA

La cittadella ubicata sulle sponde dell’Arno in direzione sud, lato tramontana, risale al XIII sec.
Proprio per la sua posizione strategica ha svolto sia funzioni militari che di cantieristica navale.
Nel 1400 sotto la dominazione Fiorentina ha subito modificazioni e la costruzione di nuove fabbriche a servizio della stessa tra cui l’imponente torre Guelfa naturalmente in sostituzione della preesistente torre Ghibellina.
L’edificio di notevole impatto sullo sfondo del tessuto cittadino racchiude nella sua architettura testimonianze storiche rappresentative per la città di Pisa , motivo questo che ha portato alla ricostruzione dell’antica fabbrica di origine nel 1956, dopo la distruzione della stessa dall’ultimo evento bellico.

Cittadella Pisa

CITTADELLA NUOVA - IL GIARDINO SCOTTO

La Cittadella nuova è una fortificazione militare originariamente eretta nel XV nel periodo della dominazione Fiorentina e voluto da questi per una la funzione di difesa; è collocata nella parte ovest di Pisa, in prossimità del Fiume Arno.
Nel 1700 Domenico Scotto ne acquistò la proprietà e la ristrutturazione modificò la sua destinazione originaria, diventando giardino per residenza privata
Attualmente tutto lo spazio racchiuso all’interno delle mura ancora preesistenti e di mole imponente è adibito a giardino comunale dal 1930

Cittadella nuova Pisa Giardino Scotto Pisa Giardino Scotto

ATTENZIONE: DA MARZO 2012 CHI SOGGIORNA A PISA DOVRA' PAGARE LA TASSA DI SOGGIORNO, i prezzi delle strutture potrebbero quindi essere gravati da oneri aggiuntivi. CHIEDETE DIRETTAMENTE ALLE STRUTTURE DI DETTAGLIARVI LA SPESA.

In questo sito sono inserite offerte di strutture alberghiere e servizi turistici pisani con finalitĂ  promozionali. Pisahotel.info non è collegato in alcun modo agli hotel, bed and breakfast, affittacamere, servizi turistici o aziende citate ma si limita a dare loro esclusivamente un servizio di visibilitĂ  su internet (pubblicitĂ ). Il portale ha il solo scopo divulgativo e non effettua prenotazioni on line. Se deciderete di contattare una struttura, o un gestore di servizi pubblicizzati dal portale, informatevi della sua attendibilitĂ . Il titolare del portale, pur facendo il possibile per controllare l'attendibilitĂ  degli inserzionisti e la veridicitĂ  delle offerte non può garantirle e declina ogni sua responsabilitĂ . Si fa presente che i prezzi, le rappresentazioni e le descrizioni sono puramente indicative e potrebbero non essere aggiornate ed attendibili! Pisahotel.info non é collegato in nessun modo con enti o organizzazioni di cui si limita a presentare sommariamente alcuni servizi ritenendoli di interesse comune. Si raccomanda di leggere le condizioni d'uso di questo sito e di verificare ogni notizia presso i siti ufficiali delle strutture o dei servizi.


Siamo disponibili ad inserire tutti i servizi di Pisa che ce ne facciano esplicita richiesta. Per info contattateci.